• onoranze funebri imola

  • pompe funebri imola

  • agenzia funebre imola

SEPOLTURE

 Le salme possono essere inumate nella nuda terra, o tumulate in loculi, tombe o cappelle, oppure cremate. Inumazione e tumulazione sono sistemi di sepoltura previsti dal regolamento di polizia Mortuaria e comunemente adottati nel nostro paese. Tuttavia, da un certo tempo a questa parte, per far fronte alla carenza di aree cimiteriali, oltre che per scelte personali, nei grandi centri si va sempre più diffondendo la cremazione. L'inumazione, la tumulazione e la cremazione sono regolate da norme specifiche tecnico-sanitarie per la salvaguardia dell'igiene pubblica e della contaminazione ambientale.

LA TUMULAZIONE

La tumulazione del cadavere in loculo, in tomba o in cappella privata, di contro, è finalizzata a conservare più a lungo le spoglie mortali e la sepoltura stessa. A tale scopo la salma deve essere racchiusa in una duplice cassa, l'una di legno e l'altra di metallo ed ermeticamente sigillata. Il periodo di conservazione di un cadavere in un loculo, in una tomba o in una cappella varia a seconda del tipo di concessione ottenuta dal Comune. La concessione in uso dei loculi e delle altre sepolture private è a pagamento secondo una tariffa fissata dall'autorità comunale, così pure come il periodo di concessione.

CREMAZIONE

La cremazione di un cadavere prevede l'incenerimento dello stesso per mezzo di combustione e la raccolta delle ceneri in un'apposita urna. La cremazione è un servizio pubblico a pagamento secondo tariffe che sono stabilite dallo Stato. Deve essere autorizzata dall’Ufficiale di Stato Civile del comune ove è avvenuto il decesso, sulla base della volontà testamentaria espressa in tal senso dal defunto. In mancanza di disposizione testamentaria, la volontà deve essere manifestata dal coniuge e, in difetto da tutti i parenti più prossimi dello stesso grado. Per coloro i quali, al momento della morte, risultino iscritti a società di cremazione, è sufficiente la presentazione di una dichiarazione in carta libera, scritta e datata, sottoscritta dall'associato di proprio pugno, dalla quale chiaramente risulti la volontà di essere cremato. La dichiarazione deve essere convalidata dal presidente della società di cremazione.

Le urne contenenti le ceneri possono essere custodite dai familiari del defunto presso il loro domicilio, essere depositate in aree a ciò destinate all’interno dei cimiteri: tumulate in una tomba di famiglia, in un loculo o in un cinerario, oppure depositate nel cinerario comune. Le ceneri possono essere disperse in natura in aree esistenti all’interno dei cimiteri o aree private, o in mare, laghi o fiumi solo se il defunto ha lasciato una disposizione testamentaria in tal senso o abbia manifestato tale volontà a una società di cremazione.

Share by: